granate

Le granate sono un grande gruppo di pietre simili, che alcuni classificano come ornamentali, altri ai nobili. Chimicamente, appartengono ai silicati nella formula generale M.3R2 (SiO4)3. Se sei interessato all'effettiva struttura chimica delle granate, ti incoraggio a studiare la tabella, che mostra anche il colore Granate a seconda della loro composizione chimica e, naturalmente, della contaminazione con altri metalli.

La tavolozza dei colori dei melograni è, come potete vedere, molto ricco – pressochè pieno. I melograni più comuni sono glossular, pirop i almandin. L'ultimo, chiamata da tutti la nobile granata, bel viola al rosso sangue blood, è la più ricercata e più volentieri inquadrata. Gli esemplari più belli di almandino vengono dal Brasile, Ceylon e Perù. In Polonia, l'almandino è stato trovato nei Monti Tatra e nella Bassa Slesia, sebbene i piropi rosso rubino e il glossario di colore scuro siano molto più comuni in Polonia.

COMPOSIZIONE CHIMICA E COLORI DEL BLU NAVY

Nome Edificio Barwa
andradyt Quella3Fe2(SiO4)3 verde, giallo, Marrone, nero
uwarowit

glossulare

Quella3Cr2(SiO4)3

Quella3Al2(EO4)3

verde smeraldo

incolore, asparagi verdi, giallo, rosa, Marrone

pirop Mg3Al2(EO4)3 rubinowoczerwona
spessartyn Mn3Al2(E04)3 arancia, marrone-rosso, Marrone
almandyn Fe3Al2(Si04)3 Viola, ciliegia, sangue rosso, marrone-rosso, quasi nero

Per molti secoli, i melograni sono stati una pietra preziosa popolare. Lo sappiamo già, che sono stati a lungo tentati di imitarli, m.in. rubino dorato – vetro colorato con l'aggiunta di oro finemente suddiviso. In Europa, i melograni sono i più numerosi in Cecoslovacchia. Ce n'erano così tanti lì, che sono diventati una pietra nazionale simbolica, incorniciato in gioielli patriottici, e nel XVII secolo divennero un simbolo della libertà ceca. Ancora oggi in Cecoslovacchia si producono gioielli con granato, anche se non così volentieri indossato come in passato.

I melograni sono stati utilizzati anche nella tecnologia per molto tempo. Meno duro dei diamanti, e anche corindone, sono usati per lucidare tipi di legno molto duri, prodotti ossei, pelle, e anche il vetro. Anche oggi le carte abrasive speciali e le polveri abrasive a grana fine sono fatte di granate, alcuni materiali sono lucidi. Nel nostro tempo, sono state usate granate, tra le altre. in un campo completamente nuovo - come cristalli di memoria. Se il granato viene sintetizzato in speciali condizioni di cristallizzazione, si può ottenere un cristallo con proprietà magnetiche dipendenti dall'intensità della luce incidente. Utilizzando questa proprietà, gli scienziati hanno sviluppato un nuovo modo di registrare le informazioni. Il monocristallo di granato è ricoperto da un film plastico-polimero molto sottile, e poi viene irradiato in un apposito apparato mediante "scrittura” le informazioni desiderate nel cristallo. È possibile memorizzare così tante informazioni su un solo centimetro quadrato della superficie del cristallo, quante centinaia di metri di nastro sono inclusi – memoria del computer. Tali granate erano chiamate semiconduttori magnetici, e la scoperta dei "cristalli della memoria” è uno dei passi della fisica moderna verso il mondo futuro descritto nella fantascienza.

Il nome melograno deriva dal latino granatum = melograno-frutto del melograno. Ciò è dovuto alla somiglianza dei cristalli di granato più comuni in un grande grappolo – minerale, per numerosi semi di melograno – frutta. Inoltre, la dimensione dei cristalli di melograno è solitamente vicina alla dimensione 2-3 semi millimetrici. Le eccezioni sono le granate più grandi. Il più grande della collezione cecoslovacca pesa solo 11 carati, e il più grande del mondo, adornando l'Ordine del Toson d'Oro conservato presso il Dresda Grunes Gewelbe (Zielona Komnata), pesa fino a 48 carati, cioè. meno di 10 grammi. I melograni hanno una densità di ca. 4 g / cm, quindi la più grande granata conosciuta al mondo ha un volume di ca 2,5 cm3. Più grande è la granata, più grande è il deposito di memoria. Proprio per questo, agli sforzi di chimici e fisici in passato, che voleva sintetizzare granate gioiello, i fisici si sono uniti, che necessitano di grandi monocristalli di melograno per scopi scientifici e tecnici.

Conosciamo già i tentativi più vecchi. I nostri antenati hanno cercato di ottenere granate sintetiche fondendo e raffreddando granate naturali o fondendo alluminosilicati naturali con determinati metalli ad alta pressione..