Classificazione delle pietre preziose

Classificazione delle pietre preziose.

A differenza di quelli incolori, le pietre colorate possono essere divise in due gruppi: composti chimici da soli, tinta unita, indipendente o solo leggermente dipendente da impurità e composti di colore variabile, a seconda del contenuto di ingredienti aggiuntivi. Il primo gruppo comprende ad es.. malachite - uno dei minerali di rame. Il secondo gruppo ci è già noto: korund, composti di berillio e quarzo. In uno stato pulito, incolore senza additivi. Il loro colore è quindi straniero-allocromatico (dalle parole greche allos – alieno e croma – barwa, Colore), dipende dall'agente colorante aggiuntivo, un elemento o, più comunemente, un composto chimico, che chiamiamo cromoforo, cioè portatore di colore. Gli stessi elementi o composti sono anche la causa del colore delle pietre appartenenti al primo gruppo - pietre con il proprio colore. C'è solo una differenza. In questo gruppo, questi composti non sono inquinanti, ma gli ingredienti principali delle pietre preziose. Malachit, turchese, lazuryt, crisocolla e dioptasi sono composti di rame. La malachite ha un colore caratteristico del verde malachite, e la diottasi del verde smeraldo, lapislazzuli blu, e turchese e crisocolla verdastro in varie sfumature. Quindi, il rame è un cromoforo che si colora di verde o blu a seconda del composto, in cui si verifica. Il rame verde è facile da vedere sui tetti in lamiera di rame o sui prodotti in bronzo – una lega di rame con stagno, anche su vecchie monete di rame. A causa dell'influenza corrosiva dell'ambiente, il cosiddetto. neve verde malachite.

Ma la cosa non è così semplice. Le pietre di colore verde sono le più abbondanti in natura. Il verde è smeraldo, diverse varietà di granate, actinolite, eliotropio (verde scuro con macchie rosse), ekanit, alcune varietà di fluorite, damantoide, jadeit, quarzo avventurina e molti altri. Nel frattempo, ad es.. uno smeraldo dal colore quasi identico al colore smeraldo della dioptasi non contiene nemmeno tracce di rame. Ricerche approfondite hanno dimostrato, che il cromoforo dello smeraldo è il cromo. Lo stesso elemento, più specificamente, ossido cromico Cr2O3, colora il rosso rubino. Per confondere ancora di più le cose, la natura ha creato smeraldi colorati di verde con ferro e smeraldi, in cui il vettore di colore è vanadio. Quando ho provato a sintetizzare gli smeraldi, si è scoperto, con il colore smeraldo più bello, è più facile ottenere il vanadio.

Sappiamo una cosa per certo. I cromofori possono essere e sono solo metalli o loro composti. Lo sappiamo anche noi, che il colore può variare a seconda della quantità di impurità. Il rosso rubino brillante cambia colore in quello più scuro, più ossido di cromo contiene. Il colore blu dello zaffiro è il risultato della contaminazione del titanio. Macchie di ferro verdi da verde chiaro a verde scuro, bluastro, e anche in nero, quando è ferro bivalente, così tale, che forma ossido di ferro FeO, o in giallo, rosso in varie sfumature fino al marrone, quando è trivalente, quindi forma Fe2O3. Anche i coloranti sono al litio, cobalto, nichel, gal, attraverso, rubidio e altri metalli. Questi sono i metalli, o più precisamente le loro relazioni, sono i coloranti della nostra Terra, danno bellezza alle pietre preziose, grazie a loro, l'artista ha avuto una ricchezza di colori e sfumature fin dai primi tempi, abbelliscono la porcellana, bicchiere, i nostri vestiti, auto e tutto, cosa c'è di colorato intorno a noi, colori.